Sidebar Menu

Come sono correlati lo stress e le malattie cardiache nelle donne?

Sia che un litigio vi faccia perdere il sonno, che il traffico vi faccia perdere un altro appuntamento o che i dettagli di un matrimonio imminente vi travolgono, gli eventi che portano un forte stress sono eventi normali nella vita quotidiana.

Quando lo stress diventa un compagno costante della propria vita, può portare a una serie di conseguenze negative sulla propria salute. Lo stress aumenta il tasso delle placche e queste si possono accumulare nelle arterie. Rende le piastrine appiccicose e inclini a formare dei coaguli che possono bloccare le arterie.

Lo stress, può anche essere la causa di costrizioni delle arterie, affamando il cuore di sangue e scatenare il dolore al petto o un attacco di cuore.

Le donne sono particolarmente vulnerabili all’impatto che lo stress può avere sul cuore. Ecco perché è così importante prevenire il prima possibile le malattie cardiache (o i fattori che portano a questi rischi) che portano allo stress e come affrontarlo in modo sano.

Che cosa è lo stress?

Lo stress può essere definito in senso lato come una minaccia, o una richiesta posta dal proprio corpo che non è in grado di superare una determinata situazione.

Le donne tendono a diventare stressate per questioni che riguardano la casa, la vita familiare, una dieta che non funziona o degli eventi legati alla salute. Mentre, negli uomini sono spesso collegate a delle questioni legate al lavoro o a dei problemi relazionali.

Indipendentemente dalla causa, lo stress scatena la nostra risposta di lotta o di fuga che inonda il corpo di adrenalina. Quando lo stress diventa costante, il corpo rimane in stato di allerta. Livelli costantemente elevati di ormoni dello stress possono innescare cambiamenti fisiologici.

Le donne tendono a far fronte alla situazione impegnandosi in attività sociali, come chiamare gli amici; o in attività sedentarie come leggere, guardare la televisione o mangiare.

Gli uomini si dedicano ad attività fisiche, come l’esercizio fisico o lo sport.

Gestione dello stress, come affrontarlo

Ci sono molte tecniche che possono essere utili per ridurre lo stress:

  • biofeedback (questa tecnica vi insegna a controllare la reazione del vostro corpo cambiando i vostri pensieri e le vostre emozioni);
  • meditazione;
  • esercizi per respirare;
  • allenamento autogeno (questa pratica consiste nel parlare o nel pensare spunti verbali a diverse parti del proprio corpo);
  • rilassamento muscolare progressivo;
  • sfidare schemi di pensiero inutili.

Per la massima efficacia, queste tecniche dovrebbero essere supportate da altri comportamenti che portano a una buona salute. Tra le buone pratiche è bene inserire il dormire abbastanza, mangiare bene e fare dell’esercizio fisico.

Qualunque sia la tecnica di gestione dello stress che si sceglie, è bene praticarla regolarmente per evitare che lo stress si accumuli e diventi un problema.

Quali sono alcuni dei sintomi più comuni dello stress

È bene imparare a riconoscere questi sintomi, prima che si verifichi un attacco di cuore o altri gravi problemi medici.

Sintomi fisici

  • insonnia;
  • problemi gastrointestinali;
  • tensione muscolare;
  • emicrania;
  • incremento del battito cardiaco;
  • dolore;
  • sudorazione;
  • stanchezza costante.

Emozionale

  • frustrazione;
  • ansia;
  • depressione;
  • rabbia e paura.

Comportamentale

  • isolamento;
  • mancanza di esercizio;
  • comportanti di fuga come il bere o il dormire;
  • mangiare di più o saltare i pasti;
  • evitare le cose;
  • lottare.

Cognitivo

  • non pensandoci bene;
  • scarso giudizio;
  • disturbi di memoria;
  • pensieri negativi.
Back To Top