Sidebar Menu

Rivestimenti PVD: perché sono i migliori?
Rivestimenti PVD: perché sono i migliori?

Per capire quali siano i migliori rivestimenti pvd è fondamentale sapere quale significato ha questo acronimo. Non è un mistero, per la verità. L’abbreviazione pvd è d’uso ormai comune nel settore del trattamento dei metalli e, quantomeno tra gli addetti ai lavori, individua un processo destinato a dare all’oggetto metallico che si vuol rifinire l’aspetto e la protezione necessaria al suo successivo impiego.

L’acronimo in questione, in italiano riduce a tre lettere il procedimento di deposizione fisica da vapore. Per chi non è del mestiere, o comunque quantomeno a prima vista, questa espansione terminologica non è che dica granché. Tradotta in inglese, peraltro, non cambia più di tanto rispetto alla percezione già affermata: Physical Vapour Deposition, in fondo, non suona né più né meno come quando è invece utilizzata la lingua italiana.

Per dare una caratterizzazione più chiara, e senza entrare nel merito delle procedure tecnologiche utilizzate affinché il procedimento sia completato nelle giuste modalità, l’obiettivo di questa rifinitura è proteggere l’oggetto a essa sottoposto con un film, sottilissimo, adatto a salvaguardarne l’integrità superficiale.

Per andare ancor più sul semplice, si tratta di aggiungere una sorta di “pellicola” che eviti al prodotto finito di essere immediatamente rovinato da tutto ciò che è esterno a esso, siano acidi, intemperie, od oggetti potenziali produttori di graffi o scalfitture.

Perché ciò possa avvenire con successo, Pvd Technologies a Brescia è il riferimento adatto a completare nel miglior modo possibile i cicli produttivi necessari.

La prevenzione del possibile danneggiamento

I rivestimenti pvd servono principalmente per difendersi da ciò che genericamente è indicato come il rischio derivante dall’usura. Le cause possono essere le più disparate. L’utilizzo di qualsiasi oggetto, del resto, sottopone il medesimo a stress continui che, a seconda del grado, possono essere potenzialmente molto pericolosi per il suo mantenimento in perfetta efficienza.

La resistenza agli agenti atmosferici, entrando nello specifico, è una caratteristica importante per qualsiasi prodotto. Nebbia salina e raggi UV non sono che alcuni degli intoppi capaci di creare problemi di una certa consistenza. Essere protetti da questi, di conseguenza, consente a chi opera nel campo dei metalli di agire con maggior serenità, conscio di avere le spalle coperte e, quindi, di non dover temere il meteo una volta rilasciato il proprio prodotto sul mercato.

Lo stesso vale per quanto concerne il rischio di contatto con acidi, alcali e solventi. In ogni casa, del resto, sostanze di questo tipo sono di comune impiego e, per questo, è fondamentale che i potenziali rischi connessi al loro utilizzo siano prossimi allo zero. Avere una certezza rispetto a questo problema è un vero passo in avanti. Il fatto che non ci sia prodotto domestico capace di rovinare l’oggetto proposto rappresenta una tranquillità che vale tantissimo, specie se raffrontato all’eco negativo che un danneggiamento potrebbe invece avere in termini di immagine e comunicazione.

L’impiego del pvd sul metallo, peraltro, ne esalta il carattere. La prima a beneficiarne è l’estetica, a tutto vantaggio della vendibilità dell’oggetto sul mercato e, ancor più, del grado di soddisfazione del futuro cliente.

Non è certamente un caso, dunque, che il pvd trovi oggi applicazione in svariati settori produttivi. Si tratta, infatti, di una rifinitura della superficie metallica alternativa a quelle della tradizionale lavorazione. Al posto di verniciature, galvaniche e altre procedure impiegate da sempre nel comparto, questo processo di lavorazione garantisce un’assoluta qualità, aumentando considerevolmente le performance rispetto alle altre tecniche più frequentemente impiegate.

Affidabilità del processo di lavorazione

Quando si produce, il primo obiettivo è quello di avere accanto a sé fornitori di livello. Non si sta infatti parlando di acquistare pezzi di ricambio, o comunque merci da lavorare successivamente, quanto piuttosto di affidare a terzi la finitura dell’oggetto che porterà poi il nostro nome sul mercato.

In questo concetto di immediata lettura sta tutto il senso della necessità di porre davvero massima attenzione nell’individuazione del miglior partner, uno sforzo fondamentale per non rimanere con il cerino in mano qualora l’ultimo passaggio, quello decisivo, finisse poi per non corrispondere alle nostre attese.

Tornando all’inizio, insomma, i rivestimenti pvd sono la risposta più adeguata all’esigenza di rifinire nel miglior modo un prodotto metallico, ma non solo, assicurandone al contempo la massima protezione.

Agire in altre direzioni, del resto, significherebbe ridurre l’efficienza dell’ultimo passaggio al posto che lavorare per massimizzarla.

Back To Top